La “Cantina Siciliano” nasce a Mondragone nel 1959 grazie a Felice Siciliano. Reduce dalla seconda guerra mondiale, Felice ritorna in patria e ricomincia la sua vita commercializzando vino falerno di sua produzione e, con il ruolo di mediatore, anche quello prodotto da diversi contadini mondragonesi. Ben presto diventa uno dei maggiori commercianti di vino della zona e distribuisce il falerno mondragonese in diverse zone della Campania, ma soprattutto a Napoli e provincia. Ed è proprio nel 1959 che, avendo bisogno di un deposito, fa costruire uno stabile, il quale è tuttora l’unica sede della Cantina.

Dopo la sua scomparsa gli subentra il terzo figlio, Camillo, il quale giovanissimo prende in mano le redini della piccola azienda di famiglia e inizia ad esplorare nuovi orizzonti commerciali, vendendo vini di sua produzione e di altre zone d’Italia sia in Campania che nel basso Lazio, diventando man mano uno dei punti di riferimento della fornitura di vino sfuso e imbottigliato all’ingrosso per ristoranti, osterie, cantine ed enoteche.

Nel 1999 decide di ristrutturare una parte della Cantina e l’adibisce a locale enoteca, esponendo alcuni tra i migliori vini imbottigliati della Campania e di tutta Italia; mentre la restante parte della Cantina è dedicata alla vendita di vino sfuso. In seguito si unisce a lui, guidato dalla stessa passione, il figlio Fabrizio, il quale nel 2010 diviene sommelier AIS e dopo poco tempo parte alla volta del nord Italia per fare esperienze nel campo della ristorazione. Dopo varie esperienze lavorative anche all’estero, Fabrizio ritorna a Mondragone e nel 2019 rileva l’azienda del padre per portare avanti la tradizione di famiglia, fatta di lavoro, sacrificio e di continua ricerca della qualità, guardando al futuro ma con uno sguardo rivolto al passato.